Loader

Come scrivere le condizioni generali di vendita nei siti web nel B2B e nel B2C

Come devono essere strutturate le condizioni generali di vendita? Capiamo insieme le differenze tra B2B e B2C, per evitare contestazioni e lavorare meglio!

Benvenuti alla seconda puntata di Evolve dedicata alle condizioni generali di vendita nei siti web, nella quale capiremo le differenze tra B2B e B2C, per evitare contestazioni e lavorare meglio. Con noi la nostra partner e collaboratrice l’Avv. Manuela Soccol dello Studio Soccol di Padova.

Come devono essere strutturate le condizioni generali di vendita?

Nel momento in cui l’azienda si approccia al commercio online deve innanzitutto capire chi è il proprio interlocutore. Per questo risulta importante chiedersi: “sto vendendo i miei beni e servizi ad un’altra società (B2B) oppure a dei consumatori (B2C)?

Molto spesso l’azienda pone la dovuta importanza alla definizione della grafica e dei contenuti o alle procedure legate all’acquisto on line, trascurando di porsi la domanda indicata sopra la quale risulta essere fondamentale prima di iniziare il relativo processo di realizzazione dell’e-commerce.

Condizioni generali di vendita nei siti B2B

Definire il proprio target di utenti è molto importante perché nel Business to Business si ha maggiori libertà dal punto di vista giuridico. Avendo a che fare con un altro professionista o con un’impresa, è possibile derogare alcune ipotesi previste per legge e quindi tutelare di più, effettivamente, chi sta vendendo.

Condizioni generali di vendita nei siti B2C

Nel momento in cui ci approcciamo ad un consumatore dobbiamo obbligatoriamente rispettare, oltre alle norme previste per il commercio elettronico, anche tutte le norme racchiuse all’interno del codice del consumo. Primo fra tutti citiamo il diritto di recesso, che possiamo definire diritto “di ripensamento” perché permette al consumatore di cambiare idea e, per qualsiasi motivo, restituire il bene o il servizio. Questo diritto non è connesso a eventuali difetti o vizi del bene, ma proprio alla possibilità, per la persona, di restituire il bene acquistato senza alcuna motivazione.

Obblighi imposti dal legislatore nel processo di vendita

Il nostro legislatore comunitario, nel momento di emanazione della normativa sul commercio elettronico, ha imposto di dover adeguatamente informare il compratore on line, dato che si riteneva necessario essere il più trasparenti possibile dinnanzi ad una nuova modalità di vendita.

  • Quando parliamo di “condizioni di vendita”, ad esempio, dobbiamo identificare subito chi è il venditore e questo è valido sia nel B2B che nel B2C. Altri obblighi sono anche l’indicare quali sono le modalità di acquisto online e se possiamo effettuarlo come ospite o solo come utente registrato.
  • Dobbiamo chiarire al nostro utente che cosa comprende il prezzo finale e quindi specificare in modo chiaro quali sono le tasse connesse e le spese di spedizione ma anche spiegare in modo esaustivo che cliccando sul tasto negoziale (point & click in gergo tecnico) si sta acquistando qualcosa.
  • Il legislatore ha preso molto a cuore queste tematiche e ha previsto dei testi da cui non possiamo discostarci. Ecco un esempio pratico:

Mail che comunicano l’esito dell’acquisto: sono messaggi automatici il cui contenuto è in parte vincolato. Le condizioni di vendita, infatti, devono essere riassunte in un “supporto durevole” perciò dovrà essere allegato un pdf in cui si ringrazia l’utente per l’acquisto. Il semplice link non è sufficiente perché rimanda ad un contenuto che in qualsiasi momento potrebbe essere modificato.

  • Questo esempio ci fa capire quanto l’assistenza di un legale sia fondamentale non solo nella scrittura delle condizioni generali di vendita ma anche per configurare tutte quelle procedure che regolano le comunicazioni nelle fasi di acquisto, vendita e post-vendita. Infine, ci teniamo a sottolineare quanto la cura degli aspetti legali di un e-commerce possa colpire positivamente l’utente e fargli scegliere di acquistare in uno shop rispetto a quello di un competitor, proprio per il livello di serietà percepita.

Anche per questa puntata è tutto, ci vediamo la prossima settimana! Vuoi maggiori informazioni sulla consulenza legale che possiamo fornire per il tuo e-commerce? Compila il form qui sotto e sarai contattato da un nostro consulente commerciale senza impegno!

Vuoi ricevere altri contenuti simili?

Ricordati di iscriverti al canale YouTube o cliccare sul pulsante che trovi qui sotto per ricevere i video #Evolve e le ultime novità in campo #digital e #web direttamente nella tua mail!

HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?

Richiesta informazioni

"*" indica i campi obbligatori

Informativa Privacy*
Iscrizione newsletter
Altri eventi